Indietro

Museo Civico Archeologico Ugo Granafei

32 Piazza IV Novembre Mesagne


MUSEO
 

Il museo Granafei possiede un ricco patrimonio archeologico proveniente dal territorio di Mesagne, ma anche da altre zone della Puglia.
L’importanza di Mesagne e del suo territorio, dal punto di vista storico- archeologico, è ben nota già a partire dal 1600.
Con l’espansione dell’abitato, si sono poi moltiplicate le occasioni di ritrovamenti che hanno gettato nuova luce sulla storia del sito in età pre-romana e romana.
Dal 1970 in poi diversi scavi e indagini scientifiche hanno portato all’individuazione di antichi cimiteri, ovvero necropoli, in vari quartieri dell’abitato.
Sempre a partire dagli anni ’70 anche il territorio di Mesagne è stato oggetto di indagini da parte della Soprintendenza Archeologica della Puglia, indagini che hanno portato alla conoscenza degli importanti siti extra-urbani di Muro Maurizio, Malvindi e Muro Tenente.


I dati archeologici hanno confermato la rilevanza di Mesagne quale centro popolato dai Messapi, in posizione strategica tra le due importanti città di Brindisi e Oria,  “terra di mezzo”, definizione cui molti studiosi fanno risalire l’origine del nome “Mesagne”.



Il Castello Normanno Svevo di Mesagne ospita il Museo “Ugo Granafei”, che custodisce reperti archeologici di grande valore.
Da ammirare è l’importante collezione di vasellame dell’Età del Bronzo, cui si affiancano i reperti di età romana e le ceramiche medievali.
Il percorso museale comprende anche una raccolta numismatica con monete greche provenienti dalle zecche locali di Taranto, Metaponto, Sibari e Crotone, e monete medievali. Una tomba a semicamera del 250 a.C perfettamente conservata completa l’esposizione, con il suo ricco corredo funerario.
Il lapidarium, infine, raccoglie iscrizioni latine, lastre tombali e macine di età messapica.

FONTI:

http://www.comune.mesagne.br.it/
https://www.viaggiareinpuglia.it/