Convento di San Francesco di Paola

Corso Plebiscito Cosenza Cosenza


La Chiesa di San Francesco di Paola fu edificata nel XVI secolo accanto al monastero dell’ordine dei Minimi, sul tratto iniziale di corso plebiscito.

La chiesa di San Francesco di Paola a Cosenza

La Chiesa si presenta con un campanile seicentesco a torre quadrata con cuspide.

La facciata è composta da un portale con pannelli in bronzo che raffigurano alcuni momenti di vita del santo calabrese.

Internamente la chiesa, a navata unica, è decorata con stucchi barocchi risalenti alla prima metà del 700 e all’ingresso presenta un imponente sarcofago di marmo del 1593 dedicato a don Ottavio Caieta, una nicchia con sarcofago e mezzo busto di don Muzio Caieta del 1655 e una statua di San Francesco di Paola.

Sull’altare maggiore è presente un opera di Cristofaro Faffeo, che raffigura la Madonna di Loreto tra San Sebastiano e Santa Caterina e una lapide policroma che ricopre la tomba del Vescovo di Eboli, Matteo Ripa.

La Cappella di San Luca contiene una tela di Pietro Negroni che raffigura la “Madonna con Bambino in gloria fra i Santi Paolo e Luca”.

La sagrestia è adornata da affreschi riguardanti la vita di San Francesco di Paola.

 



Il monastero dei Minimi

Il monastero fu aperto da Bernardino da Cropalati, confessore e compagno di San Francesco.

Gli studi dell’ordine dei Minimi vi si trasferirono nel monastero che nel 1608 ottenne dal Vicerè di Napoli lo straordinario privilegio di concedere l’immunità ai malfattori rifugiati all’interno.

Nel 1809 il monastero fu soppresso e divenne in primo luogo un seminario Diocesano e successivamente proprietà della Provincia e poi del comune.

Da quel momento in poi ci furono svariati possessori ed utilizzi del monastero, nel recente dopoguerra è tornato in gestione ai Paolotti che tuttora abitano all’interno.