Indietro

Le mura di Sassari

Sassari Sassari SS


Con l’espandersi della città la cinta muraria che un tempo era messa a protezione del centro storico è stata
inglobata al suo interno.
Edificata intorno alla prima metà del XIII secolo, venne abbattuta gradualmente intorno alla fine del 1800
per dare spazio all’abitato.

Struttura della cinta muraria
La cinta muraria medioevale era dotata di quattro porte, ubicate alla base di torri, la porta di
Sant’Antonio, la porta di Utzeri, la porta castello e quella di Rosello. La cinta Muraria era inoltre dotata di
un fossato, un muro di cortina e trentasei torri merlate, delle mura oggi sono visibili solo piccoli tratti e
l’unica torre sopravvissuta.
In uno dei tratti rimanenti delle mura sono visibili gli stemmi che rappresentano una torre, lo scudo di
Genova ed il giglio simbolo di una casata.
Nel 1330 venne costruito il castello di Sassari che fu demolito in parte nel 1877.
L’antica cinta muraria della città di Sassari aveva una forma pentagonale e misurava circa 2,5 km, le 35
torri sviluppavano tutte su base quadrata con piani in legno, l’unica torre che differiva dalle altre era quella
della Turandola che aveva una base rotonda pilastro centrale e volte a raggiera, tutte erano edificate con
conci di pietra squadrati.