Indietro

Festa di San Trifone

Alessano Alessano LE


 

La festa di San Trifone si celebra il 10 novembre

San Trifone è il santo patrono di Alessano, come per molti paesi anche la sua venerazione è frutto di un aneddoto che coinvolse gli alessanesi secoli orsono.

Trifone nacque a Lampsaco nel 250, in quella che oggi è l’odierna Turchia. Fu martirizzato per decapitazione all’età di 18 anni per essersi rifiutato di venerare divinità pagane secondo quanto prescriveva un editto imperiale.

San Trifone 

San Trifone è da sempre stato venerato dagli acrigoltori balcanici per i suoi interventi protettivi nei confronti di invasioni da parte di insetti nocivi per i campi e dai rettili. I suoi interventi miracolosi erano noti anche quando il santo era ancora in vita. Si racconta che abbia compiuto straordinari prodigi come guarigioni ed esorcismi.

Il Salento, c’è proprio da dirlo, non si fa mancare davvero niente e anche noi abbiamo avuto le nostre belle “piaghe d’Egitto”…un giorno infatti, il cielo si irrigidì con pesanti nuvole portatrici di tempesta. Gli Alessanesi si preparano ad affrontare l’ennesimoo temporale, le massaie raccoglievano il bucato posto ad asciugare al sole e i contadini facevano rientro dalle campagne. Ma, contrariamente a quanto ci si aspettava, invece del solito temporale, dal cielo cominciarono a piovere cavallette che non persero tempo per attaccare il raccolto devastando ogni cosa. Impauriti dalle possibili conseguenze e consci dei poteri del Santo orientale, Alessano invocò all’unisono il suo nome, implorandone l’intercessione per sventare il pericolo venuto dall’alto.

Le preghiere furono accolte e il Santo fece dileguare in men che non si dica lo sciame di cavallette consentendo ai contadini di salvare buona parte del raccolto.

Da quel giorno San Trifone divvenne il santo patrono del paese in sostituzione di Sant’Oronzo, il precedente patrono.

 

 Ad Alessano la statua che viene portata in processione raffigura San TRIFONE con aspetto giovanile e rubicondo, con capigliatura fluente, con gli occhi rivolti al cielo, e ai suoi piedi due oche, Alessano liberata dalla invasione delle cavallette nel 1545 e 1647, dedicò a San TRIFONE, nella chiesa madre, un altare, una statua e un busto, riprodotti in  una  pubblicazione del 1975.


Vi sono anche due tele. In quella attribuita al pittore Oronzo Letizia viene  raffigurata la «Gloria di San TRIFONE»  il Santo al centro viene sollevato da angeli e sul suo  capo un altro angelo depone una corona di fiori. In alto il Cristo benedicente

L'altra tela raffigura la Vergine di Leuca con il Bambino benedicente e in basso i Santi Giuseppe e Trifone.

La festa di San Trifone si celebra il 10 novembre e in estate le celebrazioni in onore del Santo Martire si svolgono con una processione di domenica e con la "FERA NOVA" l'ultimo lunedì del mese di luglio, dove si trova un grosso mercato compreso di bestiame, e i festeggiamenti continuano poi in serata, nella piazza tra canti e balli, anche di artisti internazionali!