Cerca
Aggiungi la tua azienda
Accedi
Per una migliore esperienza su Italyra consenti l'accesso alla posizione cliccando qui. I risultati di ricerca verranno profilati in base a dove sei!

Basilica Cattedrale

0
Ottieni Indicazioni Visualizzato - 795

La splendida Basilica Cattedrale di Oria, dedicata a Maria Santissima Assunta in Cielo, è un edificio del ‘700 realizzato in stile barocco ed è la più importante sede della diocesi della città.

 

Storia e origini della Basilica Cattedrale di Oria

 

La costruzione dell’edificio nel suo attuale aspetto è merito del vescovo Castrese Scaja che fece abbattere la struttura preesistente in stile romanico, divenuta pericolante a causa del terremoto del 1743. L’architetto che progettò l’edificio fece arricchire il suo interno con due preziose colonne in marmo verde acquistate dal Re di Napoli, le stesse che decorano la maestosa reggia di Caserta. Nel 1992, per volere di papa Giovanni Paolo II, ottiene il titolo onorifico di basilica minore.

 

Stile architettonico e decori

 

Edificata nel 1750 e consacrata al culto sei anni più tardi, la basilica cattedrale di Oria ed è il simbolo della bellezza architettonica dell’arte barocca della città. Eretta sulla cima del Colle del Vaglio, domina maestosa dall’alto tutta la città.

La facciata si presenta splendida nelle sue decorazioni barocche ricavate nel carparo, la pietra di Oria. Alla sinistra dell’edificio spicca la torre dell’Orologio ed alla sua destra la Torre Campanaria. Di grande impatto visivo è la magnifica cupola tamburata arricchita di mattonelle in policromo che domina tutta la struttura.

Al suo interno l’edificio si struttura con una pianta a croce latina suddivisa in tre navate e si arricchisce di marmi pregiati e stucchi decorativi. Di grande valore artistico sono i quattro candelabri in bronzo del XVIII secolo, due grandi tele dello stesso secolo e le statue raffiguranti San Bersanofio, opera artistica della scuola napoletana, e quelle dei Santi Medici di mano di artisti della scuola veneziana.

Gli elementi di maggior risalto sono attribuiti ai ritrovamenti di alcune cripte di recente scoperta in cui sono custoditi gli ossari e le reliquie dei vescovi del passato che possono essere visitati con un’escursione nell’ipogeo, in cui sono conservati numerosi reperti archeologici ed un presepe permanente.

 

La cripta

 

Dalla cappella del battistero si può raggiungere e visitare l’Arciconfraternita della Morte, le statue raffiguranti la Passione di Cristo e preziose tele del XVI e XVII secolo mentre scendendo le scale che conducono alla Cripta delle Mummie si può ammirare un altare arricchito con una tela del seicento raffigurante la Madonna col Bambino e nelle nicchie ricavate nelle pareti sono esposti i corpi mummificati degli ultimi confratelli e i teschi più anziani.

 

Si ringrazia Debora Mele per la gentile concessione del materiale fotografico

Rispondi aMessaggio

Accedi a ItalyRa

Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo.

Dettagli dell' account saranno confermati via email.

Resetta la password