Cerca
Aggiungi la tua azienda
Accedi
Per una migliore esperienza su Italyra consenti l'accesso alla posizione cliccando qui. I risultati di ricerca verranno profilati in base a dove sei!

Benvenuto a Merano! Verificato

20
Ottieni Indicazioni Visualizzato - 3459

Attraversata dal torrente Passirio, Merano in provincia di Bolzano, è caratterizzata da uno splendido borgo medievale.

 

Storia & origini

 

Merano divenne città nel XIII secolo e nel XIV secolo grazie a Leopoldo III Conte del Tirolo, si sviluppò enormemente il settore commerciale. Con il trasferimento ad Innsbruck dei conti Asburgo nel 1420, Merano perse il suo primato di centro commerciale ma restò formalmente capitale del Tirolo fino al 1848.

Nella seconda metà dell’Ottocento, divenne meta di turismo termale e si espanse sui modelli di derivazione salisburghese e viennese grazie anche alla consulenza dell’urbanista Theodor Fischer.

Negli anni Trenta del Novecento divenne meta di molti ebrei in fuga dalla guerra ma, a seguito dell’emanazione delle leggi razziali in Italia, la comunità ebraica iniziò ad assottigliarsi e nel 1943 iniziarono i rastrellamenti ai danni degli ebrei.

 

Cosa vedere a Merano: il patrimonio storico-artistico

 

La città di Merano è attraversata dal fiume Passirio, polmone verde del comune e imperdibile meta escursionistica.

A caratterizzare il volto di Merano sono inoltre due castelli, il Castello Trauttmansdorf di origine medievale, nucleo centrale dei Giardini che dal 2001 ospitano l’orto botanico della città che accoglie numerose specie botaniche rare e, dal 1990 il castello è sede del Touriseum il Museo Provinciale del Turismo, primo museo dell’arco alpino dedicato esclusivamente alla storia del fenomeno turistico; e il Castello Principesco situato nel centro storico della città che offre uno straordinario esempio di residenza nobiliare tardo gotica.

Al termine dei portici del centro sorge poi il bellissimo Duomo o Chiesa di San Nicolò, edificio gotico costruito dal 1302 al 1465.

 

Cosa fare a Merano: eventi e gastronomia

 

Tradizione e folklore si coniugano nella festa di San Nicolò, il santo patrono di Merano che ha luogo ogni anno il 6 dicembre. In questo giorno, il santo sfila per le strade della città portando in dono piccoli regali alla gente. Ad accompagnare questa figura è la sua antitesi, il diavolo o come viene chiamato Krampus.

Tra i piatti tipici della cucina altoatesina che è possibile gustare a Merano si segnalano nel periodo che va da ottobre a metà novembre il Törggelen, castagnata alla tirolose, e i piatti che invece è possibile gustare tutto l’anno come i canederli, i crauti e le salsicce.

Meteo in Città :

Rispondi aMessaggio

Accedi a ItalyRa

Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo.

Dettagli dell' account saranno confermati via email.

Resetta la password