Cerca
Aggiungi la tua azienda
Accedi
Per una migliore esperienza su Italyra consenti l'accesso alla posizione cliccando qui. I risultati di ricerca verranno profilati in base a dove sei!

Museo Civico “Pietro Cavoti” Verificato

23

 

 

Palazzo Cavoti è un immobile di particolare pregio storico-architettonico del 1487, si trova a Galatina nel cuore del Salento, ubicato a pochi metri da Piazza San Pietro, sulla quale si affaccia la maestosa Chiesa Madre.

Il Palazzo è appartenuto alla famiglia del celebre artista Pietro Cavoti (1819-1890) pittore e studioso dell’arte al quale è intitolato il Museo Civico di Galatina che conserva la maggior parte della sua produzione artistica.
La famiglia Cavoti si trasferì nella seconda metà del XVI secolo da Soleto a Galatina per il matrimonio di Francesco Cavoti e Annamaria Morrone; Francesco era il notissimo “arcivescovo” di rito greco , trascrittore di codici greci. È certo che Francesco nel 1572, al tempo cioè del suo processo inquisitoriale per eresia, abitava a Galatina.

Il blocco dell’edificio attuale è animato dal cinquecentesco portalino bugnato (civ.16) e dalle coeve finestre al primo piano, o piano nobile, nonché dal lungo mignano laterale.
Nella parte in corrispondenza dei civici 26-30, vi era l’originario giardino; il civico 32 è occupato dalla cappella di S. Domenico ora dedicata a S. Rita.
L’interno del Palazzo, di recente restauro, è composto da numerose stanze tutte con copertura a capriate lignee a vista e conserva inoltre inalterata la fisionomia cinquecentesca e l’impianto originario. Il Palazzo è dotato di un ampio terrazzo che sovrasta i civici 28-30 di via O. Congedo.

 

 

Il Museo Civico P. Cavoti, situato nel suggestivo Ex Convento dei Domenicani oggi Palazzo della Cultura di Galatina, conserva una collezione straordinaria frutto del genio di Pietro Cavoti. Studioso d’arte e disegnatore, contemporaneo e amico di De Giorgi, ci ha lasciato un caleidoscopio di disegni, schizzi, taccuini, stampe, fotografie che da soli meritano una visita al museo. Se a ciò si aggiunge la scoperta dell’opera di uno scultore visionario come Gaetano Martinez o delle conquiste sociali di un personaggio quale il sindacalista Carlo Mauro, si capisce perché il Museo di Galatina meriti di essere visitato!

Da Martinez al Cavoti, andando indietro nel tempo fino alla lastra con iscrizione messapica, i vari oggetti presenti nel museo formano un panorama variegato, testimonianza del gusto, delle scelte estetiche e culturali frutto dell’evoluzione storica della città di Galatina.

 

 

Rispondi aMessaggio

Accedi a ItalyRa

Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo.

Dettagli dell' account saranno confermati via email.

Resetta la password