Cerca
Aggiungi la tua azienda
Accedi
Per una migliore esperienza su Italyra consenti l'accesso alla posizione cliccando qui. I risultati di ricerca verranno profilati in base a dove sei!

 

All’esterno della cinta muraria medievale nel centro storico di Sassari, sorge Piazza d’Italia, il salotto cittadino più scenografico di tutta la Sardegna. Al centro, spicca imponente la statua dedicata al sovrano Vittorio Emanuele II, scolpita dall’artista genovese Giuseppe Sartorio, ed intorno fanno da cornice i maestosi palazzi signorili di epoca ottocentesca, Palazzo Giordano e Palazzo Sciuti, detto anche Palazzo della Provincia, rispettivamente in stile neo-gotico e neoclassico.

Il progetto di costruzione nacque all’inizio del XIX secolo e per una serie di vicissitudini strettamente legate al contesto storico dell’epoca, fu ultimata solamente alla fine dello stesso secolo, dopo che venne sancita l’Unità d’Italia nel 1861.

Il disegno iniziale del perimetro ipotizzato dall’ingegnere Cominotti fu modificato dall’ingegnere Enrico Marchesi il 31 Maggio 1837 ed approvato definitivamente dal piano regolatore per  l’ampliamento della città. I lavori iniziarono solo il 31 Dicembre 1872, giorno in cui fu posata la prima pietra in occasione della festa di Capodanno che sancisce la nascita di Piazza D’Italia.

Il perimetro della piazza ospita sui suoi lati di circa centro metri l’uno l’imponente edificio di Palazzo Sciuti, di eleganza neoclassica rinascimentale, ideato e realizzato dagli ingegneri  Eugenio Sironi e Giovanni Borgnini, e Palazzo Giordano, commissionato dal senatore Giuseppe Giordano Apostoli all’ingegnere Luigi Fasoli, realizzato in stile neo-gotico veneziano.

Palazzo Sciuti ospita al suo interno 265 tra sale, gallerie e corridoi che si estendono per circa 500 metri quadri, con cortile a porticato, in cui sono custodite lapidi commemorative. L’eleganza delle sale era in linea con la famiglia di sangue reale che alloggiava ospite al loro interno. Il palazzo conserva ancora oggi, gli arredi di mobili e armadi del re e della regina.

Palazzo Giordano, rivestito in trachite e decorato con archi a tutto sesto e copertura a bugnato, appare imponente con il suo porticato che sorregge il grande balcone del primo piano. Le stanze sono ricche di affreschi e stucchi decorativi ma la vera camera di rappresentanza è la “Stanza Gialla”, arricchita dai dipinti di Guglielmo Bilancioni e decorata con un caratteristico pavimento a mosaico.

 

Audio 360 :

Meteo in Città :

Rispondi aMessaggio

Accedi a ItalyRa

Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo.

Dettagli dell' account saranno confermati via email.

Resetta la password